Come funziona lo stampaggio a iniezione con polimeri

    Come funziona lo stampaggio a iniezione con polimeri

    Stampaggio e sovrastampaggio a inizione di polimeri e materie plastiche, GAIM acronimo di Gas Assisted Injection Molding, cosa sono queste tecniche e come possono essere utili ad un’azienda? Approfondiamo l’argomento nei prossimi paragrafi, potrai trovare informazioni e contatti utili per comprendere meglio tutto ciò.

    Cos’è lo stampaggio a iniezione

    Da sempre l’essere umano ha sviluppato delle tecniche per riuscire ad imprimere inchiostri e colori su diversi tipi di supporto. Se per molto tempo sono state utilizzate delle lavorazioni manuali come la stampa attraverso incisione e utilizzo di presse o torchi, come la serigrafia o la xilografia, oggi le esigenze produttive delle aziende e le richieste sul mercato hanno necessitato lo sviluppo di macchinari capaci di produrre grandi quantità di stampe utilizzando materiali come la plastica. Nello stampaggio ad iniezione ad esempio, l’innovazione ha consentito di costruire macchinari molto grandi e altamente automatizzati. Queste sono capaci di fondere i polimeri plastici e poi immetterli in appositi stampi sfruttando l’alta pressione. La tecnica moderna consente di ottenere un gran numero di prodotti in poco tempo, inoltre questi saranno perfettamente standardizzati e sovrapponibili.

    Come funziona lo stampaggio a iniezione di materie plastiche

    Se mettiamo insieme tutte le fasi che compongono il processo di stampa, otterremo quello he viene chiamato il ciclo della macchina. Questo può essere suddiviso in tre momenti e ci aiuterà a comprendere meglio il funzionamento di questa tecnica innovativa. Vediamo meglio:

    • Tempo di iniezione: è relativo alla fase di introduzione dei granuli plastici all’interno della pressa.
    • Tempo di raffreddamento: una volta che i polimeri vengono iniettati nello stampo, sarà necessario attendere che avvenga il processo di solidificazione.
    • Rilascio del prodotto finale: grazie a degli estrattori otterremo il prodotto finale, raffreddato e precisamente rifinito.

    L’azienda stamplast, grazie alla sua professionalità e alla qualità delle macchine, garantisce un rapporto costi e benefici veramente competitivo, abbattendo i costi e i tempi della produzione. Non esitare a visitare il sito https://www.stamplastitalia.com/ per maggiori info sullo stampaggio a iniezione.

    Il GAIM, Gas Assisted Injection Molding)

    Una procedura assolutamente nuova che permette di dare una forma cava in uno stampaggio, grazie all’impiego di gas inerti come l’azoto. Ma in che modo funziona?
    I prodotti sono più resistenti ma soprattutto leggeri: infatti all’interno è presente il gas mentre la plastica occupa solo lo spazio esterno.
    Il GAIM consente maggiore flessibilità nell’applicazione e permette di ottenere risultati mai visti prima, con forme innovative e una produzione semplificata. Non è applicabile a tutti i settori in quanto prevede una fase di raffreddamento più lenta, tuttavia permette di evitare notevoli problemi che incontriamo con altre macchine ed in molte occasioni rappresenta un’ottima soluzione.
    Non esitare a contattare il personale stamplast per ricevere una consulenza personale e comprendere quale può essere la macchina o la tecnica di stampaggio più funzionale in base al tuo tipo di produzione. Non dimenticare che l’impresa è un vero leader nel settore con un esperienza pluri decennale che consente agli operatori di scegliere sempre con accuratezza i consigli per i clienti. La partnership con Stamplast è sempre apprezzata ed è indice di sicurezza ed affidabilità. Che si tratti di stampaggio a iniezione di materie plastiche, stampaggio a iniezione polimeri o altre lavorazioni, potrai trovare sempre ciò che fa al caso tuo.